mutuo casa

Richiesta Mutuo Prima Casa 2017: le 5 trappole da evitare

La richiesta del Mutuo Prima Casa 2017 è una tappa che molti giovani, ma non solo, compiono per acquistare un’immobile. Molto spesso però è necessario valutare determinati aspetti per evitare di effettuare degli spiacevoli errori e scegliere un mutuo poco conveniente.

Richiesta Mutuo Prima Casa 2017: cosa evitare per ottenere un mutuo vantaggioso

1.Non richiedere diversi preventivi

Quando si vuole effettuare la richiesta di mutuo prima casa si ha la tendenza a inoltrare la domanda solo alla propria banca. Tale sbaglio comporta una conseguenza negativa che potrebbe avere delle complicazioni col passare del tempo.

Infatti il prodotto potrebbe non essere il migliore in circolazione, prevedendo tassi più alti rispetto quelli proposti dalle altre banche, vincoli troppo stressi e soprattutto somme di denaro inferiori a quanto viene richiesto.

Per questo, effettuare la comparazione tra i diversi preventivi consente di evitare di cadere nella trappola rappresentata da un prodotto che difficilmente rispecchia e risolve le proprie aspettative.

2.Non considerare l’opzione delle banche online

Altro errore molto comune che si effettua quando si deve inoltrare la richiesta mutuo per l’acquisto della prima casa è ignorare gli enti bancari che operano online. La paura che questi possano essere sinonimo di truffa, seppur si sia nel 2017 e il concetto di banca online si sia evoluto, è ancora radicata nell’immaginario collettivo della popolazione italiana.

Bisogna evitare di cadere in questa trappola visto che gli enti online, specie quelli sicuri e autorizzati ad operare sul web, si dimostrano affidabili quanto una banca reale. I prodotti che vengono proposti da parte degli istituti online sono, in alcune occasioni, più convenienti rispetto quelli che vengono proposti da una banca fisica.

Pertanto ignorare le propose di mutuo offerte è un grosso errore da evitare. La richiesta di mutuo prima casa deve essere inoltrata a tutte le banche, sia reali sia virtuali, che propongono un prodotto finanziario.

 3.Non valutare le eventuali imposte e costi aggiuntivi

Quando si necessita una somma di denaro ad un ente bancario bisogna evitare di richiedere una cifra che copra solo l’acquisto della casa o parte di essa. Bisogna calcolare anche le spese accessorie che si dovranno sostenere e che faranno diminuire l’importo di denaro che verrà versato al richiedente.

Si tratta quindi di prevenire una situazione molto comune ma che, troppo spesso, viene scordata e che rappresenta un errore che deve essere evitato.

4.Evitare di svincolare i propri risparmi prima dell’accettazione del mutuo

Per evitare che possano manifestarsi delle complicazioni durante la fase di concessione del mutuo, non bisogna svincolare i propri risparmi per far fronte a delle spese aggiuntive come quelle notarili dell’acquisto della prima casa.

Questo per il semplice fatto che la richiesta potrebbe essere non accettata e ci si potrebbe ritrovare in una situazione dove si è pagato un atto, o comunque dove si hanno delle disponibilità liquide eccessive, che potrebbero compromettere la richiesta dello stesso mutuo.

Occorrerà quindi attendere che questo venga effettivamente erogato prima di procedere con tale strategia, garantendo a se stessi un risultato finale ottimale.

5.Analizzare le clausole extra del mutuo

Prima di inoltrare una richiesta per il mutuo che consente di acquistare la prima casa, occorre analizzare le diverse clausole extra che spesso sono riportate in maniera poco chiara dagli enti bancari.

Sarà quindi necessario effettuare delle attente analisi che consentono di evitare delle situazioni sconsigliate e che potrebbero avere un impatto del tutto negativo sulla propria strategia.

Related posts: